LA VALUTAZIONE PREVISIONALE DI CLIMA ACUSTICO “FOTOGRAFA” LA SITUAZIONE A LIVELLO SONORO

Viene richiesta in base all’articolo 8 della legge quadro sull’inquinamento acustico n.447/95; la relazione conclude uno studio con misure fonometriche che analizza la situazione del livello sonoro esistente in un’area specifica

La valutazione previsionale di clima acustico viene richiesta in base all’articolo 8 della legge quadro sull’inquinamento acustico n.447/95, la relazione conclude uno studio con misure fonometriche che analizzi il clima, ovvero “fotografi” la situazione del livello sonoro
esistente in un’area specifica, eseguendo una serie di verifiche tecniche.

Molte regioni hanno dato specifiche suppletive sull’argomento: la Lombardia per esempio le ha specificate nella legge regionale n.10 del 10 agosto 2001 con specifiche nel DGR VII/8313 dell’ 8 marzo 2002.
Di fatto questo studio previsionale impone di controllare che il clima della zona non sia acusticamente inquinato. Viene richiesto dai comuni per il rilascio della concessione edilizia di:
  • scuole e asili nido, ospedali, case di cura e di riposo, parchi pubblici urbani ed extraurbani;
  • nuovi insediamenti residenziali prossimi a opere potenzialmente inquinanti (p.e. strade, fabbriche – le opere e costruzioni per cui viene richiesto lo studio previsionale di impatto acustico).

Quali sono le opere inquinanti?

Le opere acusticamente inquinanti sono: aeroporti e simili, strade di tipo A (autostrade), B (strade extraurbane principali), C (strade extraurbane secondarie), D (strade urbane di scorrimento), E (strade urbane di quartiere) e F (strade locali), discoteche, circoli privati e pubblici esercizi ove sono installati macchinari o impianti rumorosi, impianti sportivi e ricreativi, ferrovie ed altri sistemi di trasporto collettivo su rotaia.

Perché è richiesto lo studio previsionale di impatto acustico?

Di fatto questa relazione previsionale di impatto viene richiesta per il rilascio della concessione edilizia di nuovi impianti e infrastrutture produttive, sportive e ricreative e per postazioni di servizi commerciali polifunzionali. Viene chiesta anche al momento delle domande di licenza o di autorizzazione all’esercizio di attività produttive e ricreative.

Quali sono le opere inquinanti per la quale viene richiesta la valutazione previsionale di impatto acustico?

La norma stessa è molto esplicita e chiede questo tipo di analisi per la realizzazione, la modifica o il potenziamento di: aeroporti e assimilabili, la maggior parte delle strade, le discoteche e circoli o locali pubblici rumorosi, gli impianti sportivi e le ferrovie o assimilabili. Viene richiesta sempre più spesso dai comuni anche per attività commerciali, come le sale prova musicali a uso pubblico, i bar e altre attività potenzialmente rumorose, sia all’aperto che al chiuso, anche se sono temporanee. La relazione deve prevedere già al suo interno le misure necessarie a contenere il livello di rumore entro i valori ammessi dalla legge se dallo studio di impatto si prevede che il rumore generato dall’attività andrà oltre.
Detto semplicemente la relazione conclude lo studio tecnico che deve dimostrare che l’attività in questione non disturberà il vicinato, perché sono state prese e attuate tutte le precauzioni necessarie.

Chi redige i documenti?

Lo studio di clima acustico deve essere eseguito da un tecnico competente (STC Engineering Group ha un intero staff) in acustica ambientale riconosciuto.

Preventivo e primo sopralluogo presso la vostra attività GRATUITI.

Torna in alto